Regole Cessione del Quinto: requisiti da rispettare

Il prestito con cessione del quinto è una delle forme di finanziamento più diffuse per via della sua comodità e della facilità con cui determinate categorie di soggetti possono ottenerlo: cerchiamo di scoprire quali sono le regole della cessione del quinto, chi può richiederla e quali sono i requisiti da rispettare per ottenere il prestito.

Requisiti e regole del prestito con cessione del quinto

La cessione del quinto veloce è un’interessante opportunità di credito a cui possono accedere i pensionati e i lavoratori dipendenti pubblici e privati. La caratteristica principale di questo finanziamento consiste nel fatto che la pensione o lo stipendio rappresentano l’unica garanzia richiesta: l’affidabilità finanziaria del richiedente non viene valutata dall’istituto di credito (che comunque ha le spalle coperte dall’assicurazione obbligatoria di cui parleremo più avanti), che al massimo si accerta della sua situazione debitoria in modo da non causare un pericoloso sovraindebitamento. In sintesi, i requisiti generali per la concessione di un prestito con cessione del quinto sono rappresentati dalla presenza di un reddito stabile (quindi pensione o stipendio con contratto di lavoro a tempo indeterminato) e l’assenza di elementi che possano causare una riduzione o una sospensione del reddito.

Un altro tratto distintivo della cessione del quinto è la modalità di rimborso: l’importo della rata viene trattenuto sulla busta paga o sulla pensione direttamente dal datore di lavoro o dall’istituto previdenziale, e saranno questi soggetti ad occuparsi del pagamento all’istituto erogante. A questo punto è evidente che anche il datore di lavoro deve possedere dei precisi requisiti di affidabilità(oltre ad un numero minimo di dipendenti o ad un capitale sociale minimo che possono essere richiesti al momento della sottoscrizione del contratto). Prima abbiamo detto che per i lavoratori dipendenti l’unica garanzia è rappresentata dallo stipendio; in realtà per i dipendenti di aziende private (per i quali le statistiche mostrano una mobilità lavorativa molto più alta rispetto a quella dei dipendenti pubblici) un’ulteriore garanzia è rappresentata dal Tfr accumulato, sul quale non potranno essere richiesti anticipi per tutta la durata del piano di rimborso: anche questa voce si aggiunge all’elenco dei requisiti, visto che l’importo accantonato deve essere proporzionale alla cifra che viene richiesta con il finanziamento (in altre parole, per ottenere un prestito con cessione del quinto è necessario avere un’adeguata anzianità di servizio).

Assicurazioni e documenti fondamentali

Qualche riga fa è stato fatto un accenno alle coperture assicurative obbligatorie: il richiedente (pensionato o dipendente) deve sottoscrivere un’assicurazione sul rischio vita e (solo i dipendenti) una polizza sul rischio di perdita dell’impiego; l’importo erogato a favore del richiedente sarà al netto dei costi assicurativi e il suo ammontare dipende dalla durata del prestito (quella massima è di 120 mesi), dall’anzianità lavorativa (e di conseguenza dal Tfr accantonato) e dall’entità dello stipendio o della pensione: la rata infatti non può essere più alta del 20% dello stipendio o della pensione netti. Per richiedere un prestito con cessione del quinto è necessario presentare (oltre ai soliti documenti di identità e codici fiscali) tre documenti fondamentali, ovvero il certificato di stipendio, che riassume la posizione contrattuale del richiedente (stipendio lodo e netto, anzianità di servizio, Tfr maturato, data di assunzione, eventuali altre trattenute sull’emolumento), l’ultima busta paga (o cedolino della pensione) e il benestare dell’azienda, che siglando questo documento si impegna ad effettuare ogni mese il pagamento della rata. Prima di firmare un contratto di finanziamento è possibile sfruttare il web per ottenere dei preventivi da confrontare, analizzando i vari elementi del contratto (come Tan, Taeg, spese di istruttoria e assicurative e commissioni bancarie) in modo da individuare la migliore soluzione.

Leggi sullo stesso argomento:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi