Prestiti per badante italiana o straniera

Sei alla ricerca di un prestito per badante italiana o straniera? Per tutte le lavoratrici domestiche e colf che ogni anno sono sempre più numerose, è possibile soddisfare la richiesta di credito mediante l’erogazione e l’offerta del prodotto creditizio: prestiti per badanti. Si tratta di un prodotto che rientra nella categoria dei prestiti personali e si tratta di una forma di credito non finalizzata all’acquisto di determinati beni. Vediamo in questa guida di cosa si tratta, quali sono i documenti necessari e a chi rivolgersi per richiedere un prestito per badanti o colf italiane o straniere. 

Professione badante: come ottenere un prestito?

In Italia ogni anno cresce il numero di colf e badanti italiane e straniere che offrono la propria assistenza domiciliare alle famiglie per eseguire pulizie domestiche, per prendersi cura delle persone anziane, per cucinare, stirare e per ogni altro genere di faccenda domestica.

Per fare fronte ad un’esigenza di credito o ad una somma di liquidità, una badante italiana e/o straniera deve richiedere un prestito ad hoc e deve dimostrare alla finanziaria o alla banca di essere in possesso di un reddito dimostrabile. A tal proposito, è necessario ricordare che il contratto nazionale di categoria prevede che il lavoro domestico delle badanti o di ogni collaboratore domestico sia classificato tra le tipologie di contratti di lavoro subordinato.

Pertanto, come per ogni altro lavoratore dipendente, anche le colf italiane e/o straniere devono essere in grado di dimostrare la propria capacità reddituale e di saper adempiere al pagamento delle rate previste dal piano di ammortamento. I problemi possono insorgere nel caso in cui la stessa badante abbia incontrato difficoltà economiche pregresse ad onorare l’obbligazione assunta. Infatti, se l’istante del prestito per badanti è segnalato come cattivo pagatore o come soggetto protestato, la banca o la finanziaria richiederà maggiori garanzie.

La situazione si “complica” nei casi in cui la badante sia straniera, in questo caso, è necessario dimostrare la propria residenza in Italia da almeno 6 mesi, se la colf è comunitaria; altrimenti, per le badanti extra comunitarie il requisito richiesto è di almeno un anno.

Prestiti per badanti: documenti necessari

Per richiedere un prestito per badanti, è necessario presentare alla banca e/o finanziaria la documentazione per procedere con la valutazione del merito creditizio.

Per richiedere un prestito per badante italiana/straniera, è necessario allegare alla domanda di richiesta del prestito la documentazione volta a dimostrare la propria capacità di produrre reddito nel tempo.

Occorre allegare all’istanza del prestito la seguente documentazione:

  • Documento di identità in corso di validità,
  • Passaporto,
  • Codice fiscale,
  • Bolletta utenza domestica,
  • Permesso di soggiorno,
  • Busta paga e ogni altro documento reddituale.

Oltre alla documentazione, è possibile che le banche richiedano ulteriori garanzie (firma di un terzo garante, polizza assicurativa rischio impiego, fidejussione, etc.).

A chi rivolgersi per ottenere un prestito per badanti? Banche, finanziarie e mediatori creditizi sono in grado di offrire prestiti per badanti italiane e/o straniere. Tra le migliori offerte creditizie si segnalano quelle proposte da Findomestic, Agos e Compass.

Leggi sullo stesso argomento:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi