Differenza tra TAN e TAEG sui prestiti con busta paga

Quando una persona decide di richiedere un prestito con busta paga deve fare un confronto tra le varie proposte presenti sul mercato per scegliere la soluzione per lui più conveniente; tra i dati più significativi da paragonare ci sono senza dubbio il Tan e il Taeg, ma a volte si fa un po’ di confusione e spesso si utilizza il termine generico “interesse”: vediamo qual è la differenza tra Tan e Taeg, quali sono i significati di questi acronimi e quale tra i due può essere considerato il più importante.

Significato e differenza tra Tan e Taeg

Il Tan è il tasso annuo nominale: in altre parole rappresenta il tasso di interesse puro, la remunerazione all’istituto di credito per avere erogato il finanziamento. Anche se si parla di tasso annuo (ovvero che matura al termine dell’anno e, in teoria, dovrebbe essere pagato in un’unica soluzione), nei normali piani di rimborso il Tan viene ripartito su tutte le rate. Il Taeg invece è il tasso annuo effettivo globale, un indicatore più complesso che tiene conto non solo degli interessi applicati dalla banca o dalla finanziaria, ma anche di tutte le spese e degli oneri legati all’operazione e che sono a carico del richiedente; tra queste spese di solito rientrano le spese di istruttoria, quelle di apertura e chiusura della pratica, quelle di assicurazione e così via.

Già da queste due definizioni appare chiara la differenza tra Tan e Taeg e si può intuire che il secondo dato è quello più importante, in quanto esprime il costo complessivo del finanziamento per il richiedente. Il Tan di fatto è solo una parte del Taeg e spesso nelle promozioni viene messo in risalto proprio il tasso annuo nominale che, essendo un numero più basso, è in grado di attirare maggiormente l’attenzione dei possibili clienti. Bisogna fare quindi molta attenzione a messaggi del tipo “interessi zero”: è necessario sempre verificare se lo zero si riferisce solo al Tan o anche al Taeg (il finanziamento può avere un costo anche se l’istituto erogante non applica alcun interesse). In linea generale si può dire che a parità di durata il Taeg diventa più basso se si aumenta la durata del finanziamento, mentre a parità di durata il Taeg si riduce se si aumenta l’importo finanziato.

I tassi nei prestiti con busta paga

La cessione del quinto è una particolare forma di prestito personale che si distingue dalle altre per diverse caratteristiche, tra le quali c’è anche l’assenza di spese per le commissioni di intermediazione, di gestione e istruzione della pratica e per l’imposta di bollo o sostitutiva. Questo fa sì che gli oneri a carico del richiedente siano più bassi rispetto a quelli previsti per altri finanziamenti con busta paga (scoprili su prestitodipendentik) quindi la differenza tra Tan e Taeg è molto limitata; nei casi in cui i costi relativi alle polizze assicurative obbligatorie siano a carico dell’istituto erogante, questa differenza si può ridurre a pochissimi punti percentuali.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi